Grottaglie

 

LA PASSIONE

di Domenico De Giorgio

a cura dell’Associazione Culturale
Piccolo Teatro di Grottaglie

Atto I
“Pria che il sol sorga all’occaso”


Pria che il sol sorga all’occaso
scorra il rio per la sorgente,
fian in pria le stelle spente
e poi Pier si cangerà, si cangerà!
Son con Te ovunque vada,
ai trionfi nella morte,
stretto sono alla tua sorte
come Pier, ti negherà?
Non negherà!
Non negherà!
Non negherà!
No, no, no, no, no.
Pria che il sol volga all’occaso
scorra il rio per la sorgente,
fian in pria le stelle spente
e poi Pier si cangerà,
Si cangerà!
No, Pier non cangerà
No, Pier non cangerà
Pier non cangerà,
Pier non negherà.

Atto II
“Direm che il popol muove”


Direm che il popol muove
con l’arte e con l’intrigo.
Gli apporterem le prove
che a Cesare è nemico.
Direm che è un sedizioso,
Direm che è un sedizioso,
direm che è un infedel…
che è un infedel
Direm che il popol muove
con l’arte e con l’intrigo.
Gli apporterem le prove
che a Cesare è nemico.
Direm che è un sedizioso,
direm che è un infedel
Direm, direm, direm che è un infedel.

Atto III
“Padre dal ciel…”


Gesù:
Padre dal ciel, Tu, il figlio
dall’alto soglio mira:
sul capo mio il turbine
già furioso spira;
dell’uom le colpe in numeri
a sostener non regge.
Padre son’io che chiedo
che abbi di me pietà.

Angelo:
Signor mio, deh! ti conforta!
E’ volere dell’eterno
che l’uomo salvi dall’inferno
tra i cui lacci nasce e muor.

Gesù:
Padre eterno! Al tuo volere
Pronto ogn’or mi sottometto;
al Calvario.
Or io mi affretto,
vieni, o Croce, al tuo Signor.

Atto IV
“Sotto i colpi dei duri flagelli”


Sotto i colpi dei duri flagelli
scricchian le ossa,
si squarcian le vene;
sangue già stillano i rossi capelli
sulle braccia, le mani, ed i pie’.

Ei vergogna, rossor non ebbe
proclamarsi figliolo di Dio;
ei cercava sedurre la plebe.
Sia la morte sua degna mercé.
Sia la morte sua degna mercé.
Sia la morte sua degna mercé.

Canto finale del V e ultimo atto

Maddalena:
Piangi, o madre, il tuo diletto,
e non fai che lacrimare,
Ah! Che il duolo
Che chiude in petto
Č profondo,
profondo come il mare.
Ah! Quel duolo che chiude in petto,
ah! Quel duolo che chiude in petto.
E’ profondo,
come il mare.

Coro:
Non fia mai,
che da quest’urna
i miei passi volga il piè.


De Giorgio Domenico è nato a Grottaglie il 27 gennaio 1824 da Vito Vincenzo e da Maria Farina. Morì a Grottaglie il 28 maggio 1891. Fu sacerdote, musicista, maestro e amministratore, in quanto segretario della prima giunta del sindaco Alfonso Pignatelli.
Compose molti canti popolari, ma il suo capolavoro è “La Passione e Morte di Nostro Signore Gesú Cristo”, tragedia lirica in cinque atti. L'opera fu, probabilmente, scritta tra il 1845 e il ‘48, dato che l'arciprete Vincenzo Maranò, che scrisse tutto il recitativo, morì nel 1848. Gli atti sono così divisi e denominati: Atto I - la Cena; Atto II - Il Sinedrio; Atto III - L'Orto; Atto IV - Condanna e viaggio al Calvario - Atto V - La Morte.

POESIE DELLA TRADIZIONE POPOLARE GROTTAGLIESE

AGUNIA

Štraziatu sobbra maru legnu
culli chjuevi mpriessu
iu ti vecu, omu ndegnu,
o Gesù, in agunia.
L'anima mea ti piccatori,
pi me tu sueffri l'angoscia ria,
ti lu cielu lu Signori
mori pi li piccati mia.
Comu notti si štenni nu velu
pi la virgogna si copri lu soli,
spira lu giuštu, lu Diu tlu cielu,
e di la terra lu criatori,
e alli sua pieti si senti
la sua matri tulenti.
Qua sacrificiu pi me piccatori,
pi me facišti lu signuria,
sobb'alla croci, o amatu Signori,
tu li spiašti li rei mia
e ti li tua piachi, li tua tilori
cunsulazioni pi me saria.
O omu, ca passi tra feri e cantini,
ti gioia furaci lu munnu è pasciutu.
Mira e trimienti, tu, Gesù mia,
ca sobb'alla croci pi te šte ppinnutu.
Nè t'oru o t'argientu
t'è štatu ccattatu lu paratisu,
o omu ntricusu,
ma cullu sangu t'agnellu sacratu
ca sobb'alla croci pi te l'ha virsatu.

L'INCONTRU CU MARIA

Nfacciati Maria cu lu tua figghju passa
strascinatu ta genti storta,
ti croci caricatu nterra ncatatascia
comu nu lazzaroni mannatu a morti.
Ca ti la porta si nfacciò Maria
vitennu lu sua figghju allu passai,
l'uecchj mpitriti pi lu tilori avia
lu peti no tinia allu caminai.
Comu na spata ti fuecu ardenti
li trapassò lu cori sua tulenti.
La santa Monica n'era cummari
e cu nu spraniu ti ncufanatu ardoru
a quera facci ca tanta lu munnu ama
li sci ssucò lu sangu e sutori:
e qua miraclu cu no sapia
la facci santa mpressa rimaniu.
Sobb'a monti Carvariu sona la tromma,
lu chjantu ca si faci la Matonna!
Ca lu Giuanni cunsulari no putia
lu straziu ca si faci quera tia.
A ogni corpu ca batti lu martieddu
na spata si rificca int'allu cori,
štinnutu sobb'alla croci com'a nn'agnellu
trafittu mani e pieti lu mia Signori.
L'uecchj allu Patri ha lliatu
e tuttu lu munnu ha pirdutu.

A CRISTU CRUCIFISSU

Crucifissu, o Gesù mia,
sobb'alla croci, marvaggia cosa,
la genti riti pi buffaria,
alla tua matri l'uecchj tua posa,
Edda šte chjanci, tu la te' ffita' a lu Giuanni
e lu tua pinsari alli peni amari
lu tua cori comu lu mari.

Siertu ti spini, ciritatu,
capu e capiddi, cràgnuli e sangu,
la lancia lu cori ti sfacedda,
la mamma toa tremla e chjanci,
e lu tua mantu, culori ti gigliu,
la virminosa genti si l'ha sciucatu.
Ti li tua piachi, o Gesù mia,
ti n'essi sangu pi li piccati mia.

Lu tua patiri ni scura lu cielu,
chjanci la terra pi lu tilori,
tinanzi allu Santu si štrazza lu velu,
pi quera tia no essi lu soli.
Trema la terra, o sgumientu sinceru,
ti l'universu è muertu lu signori.
Tì, lu sua patri qua štraziu ha pajatu
pi li tua piccati, o cori mia ngratu.

Piccè no chjanci, o cori mia?
Pi la tua fullia Crištu patiu,
iddu curpanza cetu no avia;
nt'alli sua piachi li tua piachi
et ogni pisu ca tuccava a tia
iddu pi te l'ha purtatu.
E comu pecra allu circinaturu,
e comu piecuru allu scannaturu
ti la sua vocca no assiu voci
ma sulu pirdonu pi l'omu riu.
Piccè no chjanci, mo', cori mia?

Sobbra ti tutti iddu era Diu
ma si liò ogni vitura
ti 'manu servu si vištiu
e d'umirtati la sua timura,
e at ogni omu ti cori riviellu
tissi ca era nostru fratellu.
Diu t'amori, piecuru nucenti,
pi me è patutu sulu tia.
Culla tua morti tu è cancillatu
a tuttu lu munnu li piccati.

LAMIENTU T'LA DDULIRATA

Stava la mamma soa sott'alla croce,
e Gesù trimintèa fìssu fìssu;
cchjù llàcrime no avèa, no avèa cchjù voce,
pi cchjànciri lu fìgghju crucifìssu.
Quanna pò ti lu legnu fóe calatu,
scinnèa la sera. Ccé pietate! 'N pìéttu,
comu fosse piccinnu, l'ha ppuggiàtu
la mamma sòa lu fìgghju sua dìlettu.
Sintiti, gente, amaru comu spata,
lu lamiéntu t'la matre ddulirata;
lu lamiéntu t'la Vergine ferita,
ca strènce mòrta — marammè! — la Vita.
Ièni, piccinnu mia,
e dduérmi, core mia,
'n bràzzu alla mamma tòa.
Ccé ffìgghiu ca tinea!
Ci lu vitea ticea:
«Jàta alla mamma soa!»
Bbéddu ièri, ièri gintile:
t'li fìuri ti l'abbrile
tu ièri asse cchjù bbéddu.
Tu ièri sole e lluce
ca fìuri e priésciu nnuce,
ddònca la rascia ppoggia.
E mmó mi l'ònu misu
'n croce! mi l'onu ccisu,
lu fiore e bbéne mia.
C'hé fattu, fìgghju bbéddu,
ca t'ònu misu 'n cuéddu
legnu ccussì pisante?
C'hé fattu, fìgghju tòce,
ca t' ònu ppisu 'n croce
cu ghjuevi ntussicati?
C'hé fattu, fìgghju caru,
e' acitu e fféle amaru
la vócca t'ònu ašcuatu?
F'igghju, còri ti mamma,
quann' hè tittu: «Eli, lamma,
lamma sabactanì? »,
lu sangu m'è ghjazzatu,
ca nò tt'è mai scappatu
nnu lùcculu ccussì
Hè priticatu amore:
pi cquistu t' lu tilòre
sé ll' ómu, marammèi?
Cce nò hè tatu alla gente,
o fìgghju mia nnucénte?
Pi cquistu t'ònu ccisu?
Quanta passi ònu tatu
sti piéti! e l'hè sciù cchjatu
la pec'ra ch'era persa.
sti tienniri manodde
onu saziatu fódde,
migghiàri ti ffamati;
surdi, zzuéppi, malati;
muérti risuscitati:
a ttutti he fattu bbéne:
e, pròpria pi llu bbéne
ch'hè fattu, tanta pene
he vutu, fìgghju bbuénu?
E mmó ccé straziu sentu!
ca sbantu, ci triméntu
stu piettu trapassatu;

sti mani ccussì ffriddi
e st'oro ti capiddi
strazzati ti li spini;
e cquesta fronte chjara
ca ti nna c'rona amara
porta li puncitòre:
tuttu stu cuérpu santu
ca chjance ancora chjantu
ti sangu, sangu mia!
Li piàche tua so' spate,
fìgghju, ca so' cchjantate
'n piettu alla mamma tòa.
O vui ca pi lla via
passate, com' lu mia
nei ste nn'otru tilòre?
No! Granne abburisinnu, o Matre santa,
éte la pena tòa comu lu mare.
Ci la pò cunfurtà? Ognunu sbanta
a vvitè quiri sette spate amare.
Maria, pi cquiru còre nsangunatu,
pi lli piàche ti Cristu vive e vvere
àgghj pietate ti stu munnu ngratu!
O Matre ddulirata, miserere!

STAVA MARIA DOLENTE

Stava Maria Dolente senza respiro e voce
mentre pendeva in croce del mondo il Redentor.
e nel fatale istante crudo, materno affetto
Le lacerava il petto, le trafiggeva il cor.

O dolce madre, o pura, fonte di santo amore,
parte del tuo dolore fa’ che mi scenda in cuor.
Fa’ che ogni ardor profano, sdegnosamente sprezzi,
che a sospirar m’avvezzi sol di celeste ardor.

Gesú che nulla neghi a chi tua madre implora,
del mio morir nell’ora non mi negar mercé.
E quando fia disciolto dal suo corporeo velo,
fa’ che il mio spirto in cielo voli a regnar con te.



Le origini del "Piccolo Teatro Di Grottaglie" risalgono alla seconda metà degli anni Sessanta quando, presso la parrocchia della SS. Annunziata di Grottaglie, un gruppo di giovani forma la "Compagnia dei Simpatici". Nel 1972, il gruppo si trasferisce presso il Centro di Lettura della scuola elementare Sant'Elia.
Tra le attività del centro, quella teatrale prende il sopravvento e nasce così il "Piccolo Teatro di Grottaglie"; questo si consolida dandosi un regolamento, i cui punti principali sono l'amore per Grottaglie e per il teatro, la riscoperta delle tradizioni, la storia del proprio paese, ma la finalità più importante del gruppo è l'amicizia e la crescita culturale e umana dei soci. Conscia dell'importanza di conoscere le proprie origini e consapevole che il dialetto è una lingua, la compagnia ha voluto e vuole allargare i propri orizzonti culturali, aggiungere un tassello di cultura a quella già esistente, per cui ha partorito lavori che hanno qualificato maggiormente il gruppo e aumentato il bagaglio delle tradizioni culturali del paese.
L’associazione, iscritta alla FITP, collabora con altri gruppi presenti sul territorio. L'attività comprende anche spettacoli di beneficenza a favore di enti regolarmente riconosciuti e di cittadini bisognosi.

eventi

 
Distanti ma Uniti

RUVO DI PUGLIA
Distanti ma Uniti

Hoc Passionis Tempore

MOLFETTA
Hoc Passionis Tempore

Mostra Fotografica ''...è venuto il gran tempo''

MOLFETTA
Mostra Fotografica ''...è venuto il gran tempo''

Una Storia di Mani e Spine

VICO DEL GARGANO
Una Storia di Mani e Spine

La Passione Vivente

MATINO
La Passione Vivente

Le Note e le Immagini della Devozione

CERIGNOLA
Le Note e le Immagini della Devozione

Via Crucis

BITONTO
Via Crucis

Riti della Settimana Santa

COPERTINO
Riti della Settimana Santa

Altare Vittima Sacerdotale

GIOVINAZZO
Altare Vittima Sacerdotale

Presepe Pasquale

SAN VITO DEI NORMANNI
Presepe Pasquale

I Riti della Settimana Santa di Casarano

CASARANO
I Riti della Settimana Santa di Casarano

Il Consiglio regionale approva all'unanimità ''le Settimane Sante'' patrimonio immateriale della Puglia

REGIONE PUGLIA
Il Consiglio regionale approva all'unanimità ''le Settimane Sante'' patrimonio immateriale della Puglia

Facies Passionis dal 12 al 16 febbraio

TARANTO
Facies Passionis dal 12 al 16 febbraio

Esposizione Sacra Altare della deoposzione ''Ecce Homo''

FASANO
Esposizione Sacra Altare della deoposzione ''Ecce Homo''

Celebrazioni del Centenario del Gruppo Statuario della Deposizione ''Otto SAnti'' e del Corteo Processionale Confraternale

RUVO DI PUGLIA
Celebrazioni del Centenario del Gruppo Statuario della Deposizione ''Otto SAnti'' e del Corteo Processionale Confraternale

Concorso per il Marchio del Centenario Concorso Letterario del Centenario

RUVO DI PUGLIA
Concorso per il Marchio del Centenario Concorso Letterario del Centenario

editoria

 
Sulle vie della Settimana Santa - Canosa di Puglia approda a Valladolid in Spagna

SULLE VIE DELLA SETTIMANA SANTA - CANOSA DI PUGLIA APPRODA A VALLADOLID IN SPAGNA

Una storia di Fede - La processione delle donne al mattino del Venerdì Santo di Vico del Gargano

UNA STORIA DI FEDE - LA PROCESSIONE DELLE DONNE AL MATTINO DEL VENERDì SANTO DI VICO DEL GARGANO

La grande processione del Sabato Santo a Molfetta

LA GRANDE PROCESSIONE DEL SABATO SANTO A MOLFETTA

Guida agli eventi della Settimana Santa in Puglia

GUIDA AGLI EVENTI DELLA SETTIMANA SANTA IN PUGLIA

MOLFETTA E IL SUO VENERDI SANTO

MOLFETTA E IL SUO VENERDI SANTO

DE PASSIONE DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI SECUNDUM MELPHICTAM

DE PASSIONE DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI SECUNDUM MELPHICTAM

LA SETTIMANA SANTA DEI BARESI

LA SETTIMANA SANTA DEI BARESI

TI VOGLIO BENE - DI DON TONINO BELLO

TI VOGLIO BENE - DI DON TONINO BELLO

LA SETTIMANA SANTA A NOICATTARO - VOCI E IMMAGINI

LA SETTIMANA SANTA A NOICATTARO - VOCI E IMMAGINI

Una storia di fede e devozione

UNA STORIA DI FEDE E DEVOZIONE

Il venerdi santo a Vico del Gargano

IL VENERDI SANTO A VICO DEL GARGANO

La Memoria dei Gesti nei Sepolcri

LA MEMORIA DEI GESTI NEI SEPOLCRI

   
Regione Puglia Puglia Promozione Italia Rai Sede Regionale Puglia Aeroporti di Puglia Sancta Patroni di Puglia
Associazione di promozione turistica e culturale Puglia Autentica
T. +39.3483573643 - +39.3387358404 - P. IVA 07672530727